Comunicato Stampa 08 07 2015

By on

ESTATE 2015, UN’OCCASIONE PER GUSTARE GLI INSETTI COMMESTIBILI | Dallo street food ai migliori ristoranti nel mondo – estate 2015.

Molti italiani stanno programmando le mete per le loro vacanze estive, altri lo hanno già fatto e stanno preparando le valigie, per tutti sarà comunque un’occasione per vivere nuove e divertenti emozioni. “Con il gruppo di Edible Insects” annuncia Andrea Mascaretti presidente del comitato scientifico del Salone Internazionale della Sicurezza Alimentare (www.salonecibosicuro.it) “abbiamo preparato una guida divisa per continenti, per consigliare agli italiani in viaggio dove gustare specialità locali a base di insetti commestibili. Un’esperienza da provare almeno una volta, perché rappresentano il cibo del futuro, anche se per quasi 2 miliardi di persone sono già un piatto abituale. Forse, in deroga alle leggi nazionali, entro ottobre potremo assaggiarli anche a Milano, solo ed esclusivamente nel sito di Expo 2015”

Il piatto di tendenza di questa calda estate calda ha sicuramente tra i suoi ingredienti gli insetti commestibili. Ne hanno parlato molto i giornali e le tv di tutto il mondo, e rappresentano una delle soluzioni per garantire in futuro di sfamare tutti gli abitanti del Pianeta in modo sostenibile.

Gli insetti e aracnidi sono ricchi di proteine e amminoacidi e rappresentano una fonte alimentare efficiente e sostenibile “abbiamo deciso di avviare un progetto che sostenga l’utilizzo degli insetti commestibili come proteine per l’alimentazione umana e per quelle degli animali allevati a scopi alimentari, perché gli insetti sono una fonte alimentare a bassa impronta ambientale- A parità di peso di proteine prodotte, consumano meno energia, meno acqua potabile, meno cereali e meno terreno rispetto ad altri animali normalmente utilizzati per l’alimentazione umana o per produrre mangimi” ha confermato Mascaretti, “gli italiani potranno gustare numerosi piatti a base di insetti commestibili durante i loro viaggi all’estero. Potranno farlo soprattutto in Asia, in Africa e nel Centro-Sud America ma ora anche in Europa, dentro e fuori dall’Unione Europea, così abbiamo pensato di realizzare una guida on-line che sarà accessibile da oggi  sull’homepage del sito www.edibleinsects.it”. La guida sarà suddivisa in due parti: la prima conterrà, divisi per continenti e per Paesi, gli indirizzi dei ristoranti o delle vie di street food dove è possibile trovare piatti a base di insetti, cucinati in base alle tradizioni locali (questa parte verrà costantemente arricchita); la seconda parte raccoglierà suggerimenti e opinioni di coloro che hanno provato gli insetti commestibili durante i loro viaggi.  “Ora anche in alcuni Paesi europei è possibile acquistare prodotti a base di insetti commestibili” precisa Andrea Mascaretti che è anche il curatore dell’esposizione di prodotti a base di insetti e aracnidi commestibili, unica presente in Expo,  realizzata dalla Società Umanitaria con Coop Italia nel Future Food District “ anche nei supermercati: dagli hamburger, alla pasta, agli integratori proteici. Dove? In Belgio, Olanda e a breve anche in Svizzera“.

Sul sito www.edibleinsects.it  verranno caricate le informazioni sugli insetti commestibili, dove trovarli, come gustarli e, successivamente, anche quali sono le loro proprietà nutrizionali e tutti potranno raccontare le loro esperienze sul sito e condividere le foto, le informazioni e le emozioni: che sapore hanno, com’è meglio cucinarli, quanto costano e a quali vini abbinarli.” Ha concluso Mascaretti “sono certo che presto assisteremo alle prime degustazioni anche a Milano, all’interno di Expo 2015, sarà un evento pionieristico” Due esempi di ristoranti stellati che propongono piatti entomofagi? Il NOMA a Copenaghen o il D.O.M. a San Paolo in Brasile.

“Al Noma, considerato il miglior ristorante al mondo, potreste assaggiare il Live ants with crème fraîche o il Garum di cavallette (una salsa di pesce fermentata con orzo, cavallette, larve di scarabeo e sale). Alla guida della cucina c’è lo chef René Redzepi, che dopo esperienze nei migliori ristoranti del mondo, tra cui El Bulli di Adrià, qui propone una Gastronomia Nordica dove usa gli insetti in alcuni piatti, con risultati stupefacenti nel gusto e nell’aspetto. Attenzione però, non è per tutti: il menù degustazione costa più di 200 euro! E ricordatevi, comunque, che occorre prenotare con largo anticipo. “

NOMA: Strandgade 93 DK-1401 Copenaghen

“Alex Atala, lo chef del ristorante D.O.M. di San Paolo, ha guadagnato una copertina del Time per merito della sua arte ed è considerato oggi il miglior cuoco del sud America. La sua cucina sconfina nel mistico,  come allude già con l’acronimo D.O.M. Deo Optimo Maximo. Condividiamo direttamente il suo consiglio per una degustazione di formiche amazzoniche che, assicura, “sorprendono sempre per il loro gusto piccante e asprigno, simile al lemon-grass”. Se vi trovate a San Paolo, questa meta vale anche per la sua location in città: a Jardins, il quartiere più chic, tra vetrine di moda internazionali ed hotel di lusso, il D.O.M. vi accoglierà con i suoi piatti non solo buoni, ma decisamente belli. Una cucina al top, questa firmata magistralmente da Atala”

D.O.M.: Rua Barão de Capanema, 549 – Jardins – São Paulo. Brasile.

 

Per info: andrea mascaretti 3384066979